Spigola ai capperi

Essendo la spigola pesce oltreché finissimo  anche dieteticamente permesso in tutti regimi  è logico  che le eventuali indicazioni  sono in diretta relazione con la salsa. La salsa ai capperi può essere più appetitosa, quella di maître-d’hôtel è più indicata per vari regimi e forse si addice maggiormente alla finezza della carne della spigola.

Spigola ai capperi

Dosi per 4 persone:

1 spigola* del peso di 1 chilogrammo circa

sale

una salsiera di salsa di capperi**

Spigola ai capperi


Adagiare nella pesciaiola il pesce squamato, svuotato e lavato. Coprirlo di acqua fredda, salare. Portare a bollore a fuoco medio e a coperto. Diminuire la fiamma e continuare la cottura a coperto e a fuoco dolcissimo(l’acqua deve appena fremere) per 10-15 minuti o finchè la carne del pesce è bianca e opaca: accertarsene sollevando delicatamente con un cucchiaio un lembo del ventre. Servire caldo passando la salsa, calda, a parte.

La salsa di capperi si può sostituire con salsa maître-d’hôtel***

*La spigola si chiama anche branzino o lupo di mare.

**Salsa di capperi

(controindicata solo nel caso in cui i capperi siano poco consigliabili. In genere da escludere nelle gastriti e ulcere)

Unire a una tazza di besciamella:

2 cucchiai di capperi finissimi sott’aceto, sciacquanti

velocemente in acqua fredda e ben scolati,

oppure 1 cucchiaio  e 1/2 di capperi finemente tritati

20 grammi di burro

sugo di limone a piacere

***Salsa maître-d’hôtel

Fuori dal fuoco, completare una tazza di besciamella calda con:

20 grammi di burro
1 cucchiao di prezzemolo tritato
sugo di limone

Da “Il libro del mangiar sano” di Renzo Lucchesi e Elena Spagnol pubblicato da Oscar Mondadori nel 1978.

Fonte.https://www.gongoff.com

ISCRIVITI AL NOSTRO CORSO ON-LINE DI NATUROPATIA E DIVENTA IL VERO NATUROPATA

Category
Tags

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *