Asma – la medicina naturale di Baba Vanga

Vangelia Pandeva (Baba Vanga) è diventata famosa non solo nei Balcani, ma la sua fama ha raggiunto l’Occidente. Hanno scritto di Baba Vanga  americani,  inglesi e  riviste australiane, mentre sui forum di Internet in tutto il mondo si continua a fare discussioni sulle sue profezie. Lei non solo ha visto il passato e il futuro, ma curava anche molte malattie. Aveva l’abitudine di dire spesso: “per ogni malattia – c’è una pianta.” Oggi molte più persone sono convinte di questa affermazione. Baba Vanga raccontava: “Io non credo di essere una erborista, o di  capire tutto alla perfezione, ma queste piante semplicemente mi appaiono da sole. Molto spesso pronuncio  nomi di piante a me completamente sconosciute.”


Abbiamo fatto  studi profondi  su questa  donna e vi possiamo confermare che era il vero bene. Il suo unico scopo era di aiutare. Non era contro la medicina convenzionale, ma riteneva che fosse dannoso prendere  troppe medicine, perché in questo caso, “chiudono la porta attraverso cui la natura crea un equilibrio nel corpo – le piante.”
Secondo alcuni noti erboristi  i suoi consigli per i trattamenti non possono avere alcun effetto, perché la combinazione di erbe da lei usate sono  incredibili, ma nonostante tutto  le  sue ricette hanno riportato  risultati molto sorprendenti  e veloci.  Potrete capire in seguito da soli che le sue ricette sono molto semplici.
Sta a voi crederci o meno, provarci o no. Ci tenevamo a pubblicare le sue ricette perchè chissà …

Le medicina naturale di Baba Vanga

Albumina (aumentata) – Prendete un cucchiaio di corteccia essiccata di betulla (sottile e trasparente corteccia di betulla che nella primavera si sbuccia ) e fate bollire 5 minuti in 2 tazze di acqua. Filtrare e berne solo 100 ml la sera, tre giorni di fila.

Allergia – un cucchiaino di assenzio romano essiccato, mettere in ammollo in acqua fredda per tutta la notte. Al mattino, filtrare e bere 3 volte al giorno dopo i pasti 1 cucchiaio con un po ‘di miele. Per i bambini: un cucchiaino Per la prevenzione: bere un bicchiere di vino di assenzio romano, specialmente durante la primavera.

Amenorrea (assenza di mestruazione) – 2 kg di  buccia di cipolle da bollire in 3 litri di acqua, fino a quando non assumono il colore rosso scuro. Uso: bere una tazza di questo tè  al mattino o alla sera a stomaco vuoto.

Anemia – Macinare 100 grammi di frutti di malva secca. La polvere ottenuta si beve una volta al giorno, mezzo cucchiaino, mescolato in una tazza di latte fresco di pecora. Per un gusto  piacevole si può  aggiungere un po ‘di miele.

Anemia nei bambini – All’inizio di primavera e nel periodo di settembre  bisogna fare qualche bagno. Preparazione: Quando l’acqua bolle, aggiungere le foglie fresche(giovani) di noce  e cuocere per 30 minuti.

Artrite – in una elevata quantità di acqua far bollire  dieci radici un po’ più grandi di ciclamino (Cyclamen headers-folium). Versare il diluito ottenuto nella vasca e quando si è raffreddato alla temperatura moderata, il paziente entra nella vasca, il livello dell’acqua deve coprire intero corpo. Rimanere  sdraiati nell’acqa finchè non si  è raffreddata. Si deve ripetere questa procedura almeno dieci volte. Lo stesso preparato può essere utilizzato due volte.

Artrite – prendere venti radici di ciclamino e farle bollire in 10 litri di acqua. Fare il bagno la mattina e la sera. Prima le gambe e dopo le mani. Alla fine versare l’acqua sulla testa.

Artrite – (dolore nelle mani-annessi) – bollire la pianta di felce dolce(lat. polypodium vulgare), quando l’acqua si è raffreddata ed è tiepida, fare il bagno ogni sera per 10 giorni.

Artrite reumatoide – fare un impasto per  impacchi dalle foglie bollite di scotano (lat. rhus cotinus ).

Asma (ricetta 1) – versale acqua bollita su 40 cipolle  finché non diventano tenere. Aggiungere  mezzo litro d’olio e cuocere. Frullare e dal purè  ottenuto prendere un cucchiaio ogni mattina e sera a stomaco vuoto

Asma(ricetta2) – Bere il tè dal fiore tussilago farfara

Asma (nei bambini) – Dopo aver bollito (un cucchiaio in 2 litri d’acqua), fiori secchi di tussilago farfara,  lavare il bambino. Dopo il bagno spalmare il bambino con il miele e la grappa.

Avvelamento (pesce) – mescolare un cucchiao di mastice in un bicchiere d’acqua e berlo immediatamente.

Fonte:https://www.gongoff.com

ISCRIVITI AL NOSTRO CORSO DI NATUROPATIA E DIVENTA IL VERO NATUROPATA

Category
Tags
No Tag

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *